Ricordo di Franco Sottani

Ho incontrato Franco per la prima volta un pomeriggio di marzo del 1977, presentato dal comune amico Sauro Martini, indimenticabile restauratore con cui avevo appena avviato il primo corso di restauro legni antichi di Palazzo Spinelli.
Fu amicizia a prima vista.
Le qualità di Franco erano esplosive: simpatia e spavalderia, ottimismo e disponibilità, diplomazia e fermezza, chiarezza e praticità.
Quel giorno di primavera divenne subito Presidente di Palazzo Spinelli, una carica sempre riconfermata. Franco è stato per 43 anni amico sincero e socio leale, un simbolo e una figura che non sarà mai dimenticata dai nostri Istituti.
Ti ricorderemo sempre, Franco, su questa terra.
Ci mancherai non sai quanto, ma, credimi, ci voleva uno come te, lassù.
Francesco Amodei